Differenze tra sito vetrina ed e-commerce

Ogni giorno moltissime persone ci contattano chiedendoci un sito. Fin qui tutto bene. Poi però, alla mia domanda “Ma che tipo di sito vuole? un sito vetrina o un e-commerce?” la risposta non è mai sicura, perchè semplicemente non tutti ne conoscono le differenze.

Ho deciso di scrivere questo articolo per fare un pò di chiarezza e soprattutto aiutare imprenditori e negozianti sulla differenza tra questi due grandi strumenti. 

Solitamente, noi di Promos Web 22  parliamo e ci interfacciamo con il potenziale cliente per capire quali sono i suoi obiettivi, dove vuole arrivare, come e quanto vuole investire.

In agenzia possiamo fare tutto, ma è importante avere un idea di partenza che ci permetta di fare stime, analisi e valutazioni iniziali così da stabilire fin da subito, con il cliente, i KPI (degli obiettivi) da raggiungere ed in che modo.

Proprio in questo senso, arriviamo al punto chiave: sito vetrina o e-commerce?

Beh, molto facile dare una risposta, non si tratta di una questione di vita o di morte, ma banalmente la scelta ricade nella questione “ma io, voglio vendere online prodotti e/o servizi o no?”

Una volta che avrete risposto a questa domanda potrete iniziare a fare le vostre valutazioni:

  • Sito Vetrina
  • Ecommerce

Il sito Vetrina

Come dice il nome stesso, il sito vetrina è un sito che ha lo scopo di mostrare prodotti e servizi senza permettere la vendita online.

Questa tipologia di sito è adatta a tutte quelle attività che vogliono farsi conoscere (branding) ma non possono vendere i propri prodotti e servizi online. Prendiamo l’esempio di un centro estetico: sicuramente il sito è fondamentale, per mostrare i servizi offerti e i prezzi, ma magari anche per prenotare un appuntamento tramite l’agenda online oppure per vedere i dati di contatto e l’eventuale sezione con le news.

Lo stesso vale per un ristorante, che potrebbe voler mostrare il menù, le specialità, raccontare la propria storia e mostrare la posizione e i giorni di apertura. 

Però, in entrambi i casi non si vende effettivamente niente: si possono acquisire contatti, ricevere chiamate e prenotazioni, ma qui finisce.

Un sito vetrina può essere composto da una pagina come da cento, che però sono statiche e non vengono costantemente sincronizzate come ad esempio il catalogo di prodotti presente su un e-commerce. I contenuti possono essere modificati, aggiornati e variati in ogni momento ma non necessariamente.

Questo tipo di sito è composto da testi, immagini, form di contatto ed eventuali collegamenti a blog, pagine social ecc.  

Per farti capire meglio, noi solitamente offriamo 2 tipologie di contratto in questo senso: pagamento di hosting e dominio + formazione così che il cliente possa autonomamente gestire il sito. Oppure pagamento di hosting e dominio + canone annuo per tenere il sito aggiornato costantemente ed effettuare le modifiche richieste. 

N.B. la parola “aggiornamento” è molto importante. Il sito è come una macchina, senza manutenzione dopo anni potrebbe avere problemi.

In conclusione, il sito vetrina è perfetto per far conoscere il proprio brand, raccontare una storia, mostrare la propria value proposition.

Il sito che stai visitando adesso, leggendo questo articolo, è l’esempio perfetto di sito vetrina. Su promosweb22.com non ti stiamo vendendo niente, ma consultandolo potrai scoprire quello che facciamo, conoscere il team e dove ci troviamo.

L’E-commerce

Qui ci addentriamo in un mondo magico.

Il primo e-commerce, per come lo intendiamo oggi è nato nel 1992, con la libreria online Book Stacks Unlimited (che diventerà Books.com). Nonostante ciò, il primo acquisto online vero e proprio avviene un paio di anni più tardi, nel 1994, quando l’imprenditore Dan Kohn, tramite un e-commerce embrionale chiamato NetMarket, vendette un album di Sting che venne comprato a Philadelphia per 12,48 dollari.

Nel luglio 1995 un’altra data è entrata nella storia dell’e-commerce: Jeff Bezos, dal suo garage a Seattle spedì il primo libro acquistato su Amazon.com. L’e-commerce inizia il suo percorso di successo destinato a durare ancora oggi. Amazon dette vita al primo E-commerce orientato verso il cliente, ovvero con la possibilità di ricercare i prodotti in base al proprio bisogno.

Solo quattro anni dopo, nel 1999 Bezos fu dichiarato dalla rivista Time “Persona dell’Anno”. La sua idea aveva segnato un’epoca.

Oggi per chi ha un negozio, un magazzino, o per chiunque abbia la possibilità di spedire la propria merce, l’E-commerce è fondamentale.

Negli anni 2000 l’E-commerce inizia a diffondersi a macchia d’olio, in tantissimi paesi e da questo momento sarà tutto in discesa: con l’arrivo degli smartphone, i negozi online diventeranno sempre più trafficati e prenderanno il via i primi acquisti dal cellulare.

L’e-commerce, a differenza del sito vetrina richiede una manutenzione e aggiornamenti diversi. Semplicemente possiamo dire che un sito non è per sempre. In ambito web ci sono innovazioni ogni giorno e talvolta stare al passo è difficile. Se arriva un cliente con un sito realizzato nel 2006, con le strutture e i programmi del tempo sicuramente oggi sarà più conveniente riprogettarlo piuttosto che aggiornare quello già esistente.

Prendiamo un E-commerce qualunque, ad esempio Zalando. Girovagando sul sito si possono vedere delle funzionalità avanzatissime:

  • Ottieni l’outfit. Il sistema che sotto ad ogni articolo ti fa vedere gli altri prodotti della foto permettendoti di acquistare tutto l’outfit con cui è stato fotografato il modello.
  • Prodotti simili, con cui si possono vedere alternative a quella selezionata. Solitamente si inseriscono prodotti della stessa categoria.
  • Wishlist, dove è possibile salvare i propri prodotti del cuore, in attesa dei saldi, di promozioni o banalmente da acquistare successivamente.
  • Dettagli sulla spedizione aggiornati automaticamente in base al giorno e all’orario di acquisto.
  • Recensioni di altri clienti.
  • Visualizzazione ottimale su tutti i dispositivi mobile.

E questa è solo una piccola parte delle migliaia di cose che si possono fare oggi su un sito. Immagino tu convenga con me che negli anni 2000 già avere un sito che permetteva la vendita era tanto. Oggi no: oggi possiamo integrare l’e-commerce con strategie di marketing 2.0 che permettono di fare qualsiasi cosa, realmente. Presto ti scriverò anche di questo, promesso!

Oggi le persone connesse ad Internet in tutto il mondo sono quasi 5 miliardi.

L’E-commerce ha continuato a crescere esponenzialmente, tanto che durante la fase del lockdown le aziende hanno trovato nei negozi web il proprio porto sicuro per contrastare la chiusura dei negozi fisici. Quindi ti chiedo: sei ancora sicuro che nel 2021 non sia utile un E-commerce? Non si tratta di una spesa, bensì di un investimento a lungo termine. 

Non sarai più conosciuto solo nella tua zona, potrai aprire le porte del tuo negozio anche ad acquirenti da tutto il mondo.

I super pregi di questa soluzione sono molti, alcuni gli ho già accennati, ma potrei scriverci un libro. Ti basti pensare al fatto che puoi raggiungere persone ovunque e che un e-commerce è aperto 24 ore su 24. Le domeniche di agosto preferisci andare al mare che stare in negozio? Offri uno sconto e stimola le persone ad acquistare online. Il gioco è fatto.

Da quello che ho detto sembra che l’e-commerce sia tutto rose e fiori, ma d’altro canto richiede molto lavoro: accordi con i corrieri, gestione degli ordini, delle spedizioni, dei pagamenti (tramite accordi con strutture come Paypal), del magazzino (disponibilità dei prodotti), saldi, promozioni, assistenza clienti e caricamento di un catalogo con foto, descrizioni e prezzi. 

Negozi affermati hanno personale che si occupa prettamente dell’online, talvolta anche interi team come ad esempio i grandi brand internazionali. In alternativa, possono rivolgersi ad Agenzie, come la nostra e stipulare contratti per la gestione dei siti e non solo: pubblicità, copywriting, SEO, aggiornamenti.

Il consiglio per vendere online che ti voglio dare per concludere è quello di affidarti ad aziende serie. Banalmente, tutti possono fare un sito, ma diffida da chi ti crea un sito a basso prezzo. L’e-commerce è una piattaforma che richiede funzionalità avanzate sotto tutti i punti di vista e per evitare bug e problemi è bene sempre lavorare con persone affidabili e competenti in materia.

Un E-commerce deve essere ottimizzato per tutti i dispositivi (mobile, tablet, pc), deve essere di facile utilizzo e garantire un’ottima esperienza dell’utente (UX), cosa che viene gestita e via via aggiornata tramite continue analisi, ma soprattutto deve essere realizzato a norma di legge.

Lavorando online, spesso mi imbatto in siti che hanno peculiarità “illegali”: ad esempio, dati quali legale rappresentante, partita iva, sede legale ecc non sono visibili. Grande errore che potrebbe costare multe salatissime.

Spero di non averti spaventato troppo, anche perchè ti garantisco che i numeri sono a tuo favore. Si stima che nel 2020 circa 2,05 miliardi di persone abbiano acquistato online, dando la loro fiducia ad un e-commerce invece che al negozio sotto casa. Nello stesso anno le vendite globali del commercio al dettaglio online hanno raggiunto i 4,2 trilioni di dollari e, secondo le proiezioni, arriveranno a 6,5 trilioni di dollari entro il 2023.

Questi dati mostrano già di per sè l’importanza di essere online.

E tu cosa aspetti?

Ti piace questo articolo? Condividilo!

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email
Condividi su whatsapp

contattaci

richiedi un'analisi personalizzata

Promos Web 22 fa parte del gruppo Promos Srl | © 2019 Promos Srl P.Iva e C.F. 04274650482 | Privacy Policy | Cookie Policy | Powered by Us… who else?
Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. Cliccando su Accetto ne consentirai l’utilizzo. Maggiori informazioni
Questo sito utilizza i cookie per fornire una migliore esperienza di navigazione. Cliccando su Accetto ne consentirai l’utilizzo. Maggiori informazioni